BIM_ba

The FAQ
The FAQ

Ennesimo sito del mio network: BIM_ba, di gran lunga quello più proiettato nel futuro. Intanto cosa è un BIM: è un acronimo per Building Information Modeling, in sostanza una modalità di modellazione tridimensionale degli edifici in cui agli oggetti vengono associate delle proprietà fisiche. Una porta non è solo un segno grafico, ma rappresenta un oggetto reale con determinate caratteristiche di peso, isolamento termo-acustico, reazione al fuoco, aspetto, costo, fase di cantierizzazione, programma di manutenzione. Tutte queste informazioni vengono immagazzinate in un database che può essere interrogato da più operatori nelle varie fasi di sviluppo dell’organismo edilizio, progettazione, realizzazione, manutenzione. Ad ogni modifica del modello corrisponde una modifica del database, con conseguente aggiornamento per esempio dei computi metrici, cronoprogrammi ecc.

REVIT è il BIM più conosciuto, è stato acquisito da AutoCAD e costa un fracco di soldi. Normalmente in fase di progettazione, il modello Revit risiede sul server di uno studio, ed i vari progettisti, con diverse credenziali di accesso, lo arricchiscono e lo modificano ognuno nel suo campo di specializzazione. Revit è formidabile per situazioni di conflitto. Un classico: lo strutturista alza le travi e di conseguenza non rimane più spazio per far passare i canali di areazione. Meglio accorgersene in fase di progettazione piuttosto che quando km di canali sono già ad arrugginire sul piazzale.

In fase di cantierizzazione e manutenzione, il modello può essere trasferito su cloud, per cui si può accedere al database ed apportare modifiche o semplici annotazioni direttamente dal cantiere. Revit può essere molto produttivo, a volte un po’ ostico per chi è abituato al CAD, sicuramente esagerato per lavori modesti.

La mia idea (ambiziosa, mi rendo conto) è quella di realizzare un BIM semplificato (BIM_ba), utilizzando WordPress come piattaforma. In un primo stadio si tratterebbe semplicemente di una serie di form su cui si descrivono, stanza per stanza, le fasi di lavorazione di una ristrutturazione. Le informazioni potrebbero essere inserite e modificate direttamente sul posto, aggiornando in tempo reale i computi metrici.

In un secondo stadio, questo database potrebbe essere interfacciato con un programma di CAD, tramite un file di interscambio tipo DXF. Alcune primitive grafiche, aree degli ambienti, blocchi di porte e finestre, verrebbero riconosciute automaticamente dal database, emulando in modo casareccio quello che fa Revit.

Per ora in BIM_ba trovate solamente i miei programmini di calcoli statici, programmini che ho scritto per impratichirmi con il linguaggio PHP. Questi sono inseriti negli articoli di WordPress in modo molto banale, utilizzando il tag HTML <iframes>. In sostanza apro all’interno di una pagina HTML una finestrella da cui si vede una seconda pagina HTML, e perfarlo ho dovuto installare una plugin apposita. Il primo obbiettivo che mi pongo è quello di avere una maggiore integrazione, avere per esempio un template specifico di WP che richiama al suo interno i programmi strutturali.

Se riesco a progredire in questo senso vi faccio un fischio.

Autore: Andy War

Born in Naples, 1965, lived in Princeton and France, then back to Italy. Comics. Grendizer, Star Wars, Lucky Luke. Architecture, Punk Rock. Sciattoproduzie, structures. Digital animations, running, hospitals. I live and work in Rome, married with two children.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *