Un Restauro

Sono passati solo sei anni da quando disegnai le 159 tavolette della “sinossi illustrata” dell’animazione degli Zymachi, e mi sembra passato un secolo. Le ripresento ora in una versione restaurata.

1470

Il restauro consiste nell’aver spostato il materiale su questo stesso sito (piattaforma WordPress), mentre prima era in HTML statico. Ho utilizzato inoltre delle immagini a miglior risoluzione.

Le immagini sono tutte a pennarellone nero (Prockey / UniPosca) su carta leggera formato A5, rigorosamente senza matita, se non mi piacevano le dovevo rifare. E’ interessante vedere l’evoluzione dello stile, che diventa più curato man mano che si va avanti. A pieno regime ne riuscivo a fare due, massimo tre a sera.

Il pregio dell’opera sta nella sua compiutezza! In mezzo a decine di progetti abbandonati, questo sono riuscito a finirlo! Forse perché quando l’ho iniziato la storia era ancora molto grezza, e si è andata arricchendo giorno dopo giorno, impedendomi di pensare ad altro.

Sono stato molto rigoroso: testo in italiano scritto a mano, riscritto alla tastiera, disegni, traduzione in inglese, revisione in italiano. Sull’onda dell’entusiasmo avevo cominciato ad affrontare lo storyboard (altre centinaia di immagini), ma quella è stata una montagna troppo dura da scalare.

Dicevo che mi sembra passato un secolo. Un po’ è dovuto al fatto che nella mia testa la storia si è evoluta (si è impantanata?) ed ha perso dei pezzi che qui erano essenziali, assieme agli strumenti (i pennarelloni) definitivamente abbandonati: i Prockey non si trovano, gli UniPosca si spampanano dopo un secondo, meglio le rocciose Bic per i disegni complessi, meglio lo smartphone per le vignette usa e getta.

Nella mia vita si sono inoltre innestate altre attività (oltre al lavoro e alla famiglia!), il running, il web design, tutte con il loro corollario di racconti, incontri, scontri. Un progetto così totalizzante come quello degli Zymachi (è comunque la storia di una malattia, di una dipendenza), non trova cittadinanza in una attività quotidiana estremamente sfaccettata.

Autore: Andy War

Born in Naples, 1965, lived in Princeton and France, then back to Italy. Comics. Grendizer, Star Wars, Lucky Luke. Architecture, Punk Rock. Sciattoproduzie, structures. Digital animations, running, hospitals. I live and work in Rome, married with two children.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.