ZYMACHI: Una sinossi

Quella che segue è una sinossi di una animazione su cui sto lavorando: “ZYMACHI, nella Terra delle Macchine Viventi”. Buon divertimento!

Quella che segue è una sinossi di una animazione su cui sto lavorando: “ZYMACHI, nella Terra delle Macchine Viventi”. Buon divertimento!

Il prof. Kerenskij perde il controllo sul laboratorio segreto di biotecnologia da lui diretto per anni. Il nuovo padrone, una multinazionale cinese, vuole affiancargli la dott.ssa Hu, esperta in processori quantistici. I due si incontrano e si scontrano durante lo spettacolare passaggio di un planetoide che sfiora la stratosfera. All’insaputa di tutti, il planetoide è abitato da microscopici alieni telepatici, che si sparpagliano sulla terra infettando, tra gli altri, il prof. Kerenskij. Tornati al laboratorio, i due scienziati lavorano assieme al vero obbiettivo dei cinesi: gli Zymachi, nanoscopici robot progettati per la terapia genetica. Gli alieni, che intanto sfruttano il corpo del professore come fosse una miniera, vedono negli Zymachi una minaccia e cercano di sabotarli. Accortosi del tentativo, il professore si inietta gli Zymachi nel flusso sanguigno fidando nel suo sistema immunitario, ma ne perde il contatto. Le nano macchine, dalla programmazione incompleta, mutano e si alleano con Proteena, una scienziata aliena reietta, che li induce ad istruire il sistema immunitario del professore per combattere gli invasori. Si instaura così un doppio dialogo: da un lato gli Zymachi e Proteena, che racconta miti e decadenza della sua stirpe, dall’altro il professore e gli alieni telepatici, insediatisi nel suo cervello per sfuggire al sistema immunitario. Al centro la dott.ssa Hu, che assiste il professore e cerca di ricontattare gli Zymachi perduti, impresa che gli riesce nonostante i ripetuti attacchi degli alieni, che utilizzano ogni mezzo (virus, tumori) per annientare le difese del professore. Ristabilito il contatto, le nano macchine forniscono agli umani il codice genetico degli alieni, ed intanto mettono in pratica sul corpo di Proteena uno dei miti della sua stirpe: la trasmutazione dei sessi (sei, per la precisione). Questo viaggio interiore l’aiuterà a capire le ragioni profonde della decadenza aliena. Ma non c’è un attimo da perdere: la dottoressa deve sedare Kerenskij, divenuto ormai un fantoccio nelle mani dei telepati, e gli pianta nel cervello devastato dal tumore una sonda che richiama gli Zymachi. Si scatena così una battaglia campale che porterà alla distruzione del tumore ed al ravvedimento degli alieni, che riconoscono nella “miniera” un essere senziente. Riemerso dal coma, è il professore ad avere un quadro completo della situazione: il planetoide stesso è un essere vivente, di cui gli alieni non sono altro che il cervello inconsapevole. Grazie agli Zymachi un primo contatto tra specie diverse è stato stabilito, è ora di metterlo a frutto.

Autore: Andy War

Born in Naples, 1965, lived in Princeton and France, then back to Italy. Comics. Grendizer, Star Wars, Lucky Luke. Architecture, Punk Rock. Sciattoproduzie, structures. Digital animations, running, hospitals. I live and work in Rome, married with two children.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.